Osteopata Torino per riarmonizzare gli squilibri corporali

Soffri di alcune problematiche dolorose come dolori alla schiena, alla cervicale e tensioni in tutto il corpo a causa dello stress?

La soluzione che fa per te è un bravo osteopata.

In particolare se ti trovi nel capoluogo piemontese, allora puoi contattare subito un osteopata Torino, che potrà aiutarti a migliorare la qualità della tua vita. Su questa pagina web data come riferimento, è possibile trovare il numero di telefono o l’indirizzo email per mettersi in contatto e prenotare un appuntamento.

La terapia manuale è in grado di apportare benefici al corpo, da più punti di vista. Innanzitutto è un vero e proprio portento per quanto riguarda il linfodrenaggio e l’eliminazione dei liquidi in eccesso, soprattutto negli arti inferiori.

L’altro aspetto fondamentale da contemplare in una cura osteopatica è quella che riguarda le manipolazioni vertebrali. A livello strutturale ad esempio, un trattamento osteopatico riesce ad armonizzare le articolazioni della colonna vertebrale e a riequilibrare le tensioni da stress presenti nella fascia della schiena, nonché a livello dorsale e cervicale o degli arti sia superiori che inferiori.

Grazie a un osteopata Torino potrai finalmente dire addio alle contratture e ai fastidi dolorosi che ormai pensi debbano fare parte delle tue giornate. Invece è possibile liberarsi di tutto ciò, con trattamenti mirati da parti di mani esperte. Cervicalgia, artrosi, discopatia e dorsalgia, lombalgia e la sciatalgia ma anche brachialgia e cefalea saranno solo un ricordo o comunque miglioreranno in maniera notevole, soprattutto se i trattamenti restano periodici e costanti nel tempo.

Su sito di riferimento trovi inoltre importanti informazioni sulla kinesiologia, che mira a individuare e riarmonizzare gli squilibri energetici del nostro organismo, con conseguenti disturbi agli organi interni.

Richiedi dunque un appuntamento oppure contatta subito il tuo osteopata di fiducia, se hai necessità di avere ulteriori informazioni.

Sei alla ricerca di trattamenti anti age? Ecco dove puoi acquistarli

Linea anti age di Das Milano

La pelle del viso è quella più esposta all’aria, all’inquinamento e agli eventi atmosferici, con il risultato di mostrare anche piuttosto precocemente i segni di invecchiamento e di ossidazione delle cellule. Grazie ai trattamenti anti age è possibile rallentare l’invecchiamento cutaneo per via della presenza dell’acido ialuronico. L’acido ialuronico è particolarmente conosciuto per le sue forti proprietà idratanti. Una molecola di acido ialuronico è in grado di legare (e quindi trattenere) fino a un litro d’acqua. Con il passare del tempo la concentrazione di acido ialuronico nella pelle diminuisce, comportando la conseguente perdita di quella compattezza tipica della giovinezza. La sua efficacia e la sua funzione dipendono dal suo peso molecolare per diventare un alleato utilissimo in ambito cosmetico. I risultati hanno mostrato che l’acido ialuronico ad alto peso molecolare ha una forte azione schermante e un visibile effetto tensore, cioè blocca la perdita di acqua dalla superficie cutanea, facendo si che la pelle resti idratata e liscia, senza desquamarsi. L’acido ialuronico conferisce alla pelle le classiche caratteristiche di morbidezza e elasticità.

La linea anti age di Das Milano è un programma unico, che lotta contro l’invecchiamento cutaneo, apportando alla pelle una protezione completa contro le aggressioni alle quali è esposta quotidianamente. Inibisce il degrado precoce dell’elastina, e stimola intensamente la sintesi collagenica e la capacità auto-rinnovante della pelle. Ridefinisce i contorni del viso grazie all’azione rimodellante, assicura alla una corretta e profonda idratazione ed una progressiva azione ristrutturante. È importante distribuire il siero su tutta la superficie del viso e, in particolare, in quelle parti più soggette alla formazione di rughe, come la zona intorno agli occhi e ai lati del naso, così come sul mento e sulle parti più facili ai cedimenti. Visita il sito web dell’azienda per ricevere maggiori informazioni sui prodotti anti aging di Das Milano.

Il blog dedicato alla narcolessia

La narcolessia è una patologia rara: è poco conosciuta e questo rende la sua diagnosi molto difficile. Ecco perché è importante parlarne per sapere come riconoscerla ed aiutare chi ne soffre.

La narcolessia è una malattia subdola, che può influenzare profondamente la vita di chi ne è affetto, ma è possibile conviverci. Nasce così il blog dedicato interamente alla narcolessia, per non far sentire nessuno solo e per dare utili consigli per affrontare la malattia.

Il blog sulla narcolessia: insieme è più facile

Questo blog sulla narcolessia condivide preziose informazioni che vanno dall’aiuto per capire meglio quali sono i sintomi e se si è affetti da narcolessia, fino a dei consigli utili per affrontare questa patologia senza farsi abbattere dalle avversità. Narcolessia.blog offre anche una sezione dedicata ai link utili, dove si possono trovare tutti i collegamenti con fonti ufficiali ed attendibili per poter approfondire maggiormente l’argomento. Tra questi troviamo il sito dell’AIN, l’Associazione Italiana Narcolettici: un vero e proprio punto di riferimento per tutti coloro che scoprono di avere anche loro questa patologia.

Come nasce Narcolessia.blog

La narcolessia è una patologia neurologica che porta chi ne è afflitto a soffrire di un’eccessiva sonnolenza durante il giorno. Soffrire di narcolessia significa avere difficoltà a vivere una vita normale, spesso senza neanche essere completamente capiti. Per questo motivo Sara Scimone, anche lei narcolettica, ha deciso di raccontare la sua storia ed aiutare altre persone con la stessa patologia. Questa malattia è rara, per cui a volte si ha difficoltà a ricevere una giusta diagnosi: questo è successo anche a lei, finchè non ha visto un video che le ha cambiato la vita. Quest’esperienza l’ha portata a sentire il bisogno di condividere con gli altri cosa voglia dire essere narcolettici.

Visitando il blog si possono avere maggiori informazioni sulla narcolessia.

Disfunzione erettile, come affrontarla e i principali rimedi

La disfunzione erettile (DE) è comunemente chiamata impotenza. È una condizione in cui un uomo non può raggiungere o mantenere un’erezione durante le prestazioni sessuali. I sintomi possono includere anche riduzione del desiderio sessuale o della libido. È probabile che il medico ti diagnostichi la DE se la condizione dura per più di alcune settimane o mesi. La patologia colpisce fino a 30 milioni di uomini negli Stati Uniti. Esistono molte cure farmacologiche, ma parecchi uomini preferiscono le cure naturali. Tra queste:

  • Propionil-L-carnitina: alcuni studi dimostrano che la propionil-L-carnitina, se combinata con il Viagra, potrebbe migliorare la funzione erettile meglio rispetto all’assunzione del Viagra da solo. La propionil-L-carnitina è generalmente considerata sicura se usata sotto la supervisione di un medico.
  • Deidroepiandrosterone (DHEA): esistono alcune prove che suggeriscono che il DHEA aumenta la libido nelle donne e ha un effetto positivo sugli uomini con disfunzione erettile. Il DHEA sembra essere sicuro a basse dosi, tuttavia in alcuni casi può causare l’acne.
  • Ginkgo: il ginkgo può aumentare il flusso sanguigno al pene, migliorando il desiderio sessuale e la disfunzione erettile. Tuttavia, questo integratore potrebbe aumentare il rischio di sanguinamento. Le persone che stanno assumendo fluidificanti del sangue o che hanno un disturbo emorragico devono parlare con il proprio medico prima di assumere gingko.
  • Ginseng: sono disponibili diversi tipi di ginseng. Molti di loro hanno dimostrato di avere un effetto positivo sulla disfunzione erettile. Alcune forme di ginseng possono avere effetti collaterali negativi tra cui l’insonnia.

Se hai dubbi, rivolgiti a Il Dottore risponde, che saprà dirti tutto quanto al tema “disfunzione erettile rimedi”: tra questi, ricordiamo anche l’Arginina. È un amminoacido essenziale: l’organismo non è in grado di sintetizzare da sé in quantità sufficiente e quindi deve assumerlo da fonti esterne. Ossia dall’alimentazione o l’integrazione. L’arginina viene convertita in ossido nitrico che favorisce la dilatazione dei vasi sanguigni. Questa favorisce quindi il meccanismo dell’erezione. L’arginina è, invece, pericolosa per gli infartuati. Bisogna anche ricordare che l’assunzione di Arginina può interferire con certi farmaci, particolarmente gli ipertensivi. Uno studio del NCBI (National Center for Biotechnology Information) suggerisce, come adiuvante nella disfunzione erettile, 5 grammi al giorno, per 6 settimmane. Tale assunzione ha migliorato l’attività sessuale del 31% degli uomini oggetto dello studio. Alte dosi di L Arginina possono causare effetti indesiderati: in particolare dolore addominale, cali di pressione e gonfiore.